I progressi tecnologici che contraddistinguono i nostri tempi hanno contribuito anche all’avanzamento di tutto ciò che ha a che fare con il comparto della medicina. Dagli interventi chirurgici micro-invasivi con l’utilizzo della robotica fino alla gestione delle cartelle cliniche tramite cloud, i pazienti possono contare su moltissime nuove metodologie per tenere al sicuro la propria salute e contrastare le malattie.

Simulare un intervento

Gli interventi complessi necessitano di molta preparazione, che coinvolge l’intera equipe medica: dal chirurgo all’anestesista, fino ai ferristi e agli altri infermieri specializzati.

Per riuscire in questa delicata operazione preliminare, può essere d’aiuto internet, che garantisce uno scambio in tempo reale con altri medici e professionisti. Inoltre, attraverso tecnologie che si avvalgono di realtà aumentata, è possibile ricreare l’intervento in modalità totalmente virtuale. I medici possono così testare le varie fasi dell’operazione, comprese quelle di monitoraggio dei parametri vitali del paziente.

Protesi all’avanguardia

Tra le innovazioni che hanno contribuito a rendere la medicina ancora più efficace nel salvaguardare il benessere dei pazienti, vi sono le protesi utilizzate in chirurgia estetica. Come dimostra il successo di aziende come Motiva, è importante, quando si ha a che fare con un intervento chirurgico, non scendere a mai a compromessi. Sia la scelta dei materiali che tutti gli aspetti di design della protesi devono essere in linea con i più alti standard.

Le protesi prodotte da Motiva, ad esempio, oltre ad essere realizzate in silicone di grado purissimo e avere caratteristiche che si adattano alle necessità e desideri delle pazienti, sono dotate di un chip dove vengono registrati tutti i dati relativi alla protesi stessa. Si tratta di informazioni preziose, che vengono “lette” durante le visite di controllo che vengono effettuate di routine a seguito degli interventi di mastoplastica additiva.

Cartelle cliniche e software

Gestire tutte le informazioni di un paziente in un unico ambiente digitale e condivisibile rappresenta un passo avanti molto importante, perché assicura di poter avere sotto controllo l’intero storico di malattie e trattamenti. Le aziende produttrici del cosiddetto “Software as a Service” (abbreviato come SaaS) hanno messo a punto sistemi che permettono l’inserimento di dati, la registrazione delle informazioni sulla diagnostica e molto altro ancora.

In questo modo, sia i medici che il resto del personale ospedaliero può avere accesso a tutti i dati che consentono di valutare tutti gli aspetti relativi a diagnosi e cure. Questi software devono garantire la protezione dei dati immessi, oltre che permettere un aggiornamento rapido e condiviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *